FINE DEL CAMMINO – KM 0

Chiedo scusa se non ho continuato giornalmente la cronostoria di questo mio cammino, ma sentivo il bisogno di staccarmi dalla mia realtà per il resto dei giorni rimasti e assaporare da sola questa bellissima esperienza, che rifarei anche domani, durante la quale ho incontrato  e conosciuti “pellegrini” fantastici. Il proseguo del cammino è continuato con altre due tappe: accompagnati sempre dalla pioggia, abbiamo attraversato boschi di castagni, querce e di eucalipti, ponti romani, strade bianche e a volte costeggiato strade asfaltate, affrontato salite più o meno faticose e poi discese, circondati dalla tipica atmosfera autunnale e calpestando foglie, ricci di castagne e ghiande e…pozzanghere d’acqua e fango! Insieme, ma da soli, ognuno ha proseguito il suo cammino con il proprio passo, a volte isolandosi nei personali pensieri, a volte  chiacchierando e ridendo, scambiando opinioni storie ed esperienze, facendo conoscenza di altri pellegrini incontrati e ritrovati lungo il percorso venuti da ogni dove. Che dire del tedesco che traina lo zaino con carrellino, della signora con i piedi pieni di cerotti, del gruppo di ragazzetti di qualche scuola, dell’anziana che appoggiata a un bastone cammina lentamente o del padre che avanza col figlio cieco tenendosi con un laccetto nelle mani… Infine l’arrivo a Santiago, la città di San Giacomo, la meta del Cammino. A essere sincera non mi ha emozionato molto arrivare alla maestosa cattedrale, forse l’essere bagnati e sentire l’umidità addosso, forse la facciata impacchettata per restauri. Bella la cerimonia del Botafumeiro, il gigantesco turibolo dell’incenso che viene fatto oscillare da una navata all’altra. L’emozione però mi è piombata addosso inaspettatamente quando ho abbracciato la statua di San Giacomo dietro l’altare e sono scesa poi nella cripta dove sono le sue reliquie…qualche sentimento c’è ancora allora! L’ultimo giorno, accompagnati finalmente dal sole, siamo stati a Finisterre, il punto dove nell’antichità si pensava che finisse il mondo e si trova il km 0. Camminata lungo la spiaggia di sabbia mentre il sole sorge, raccolta di conchiglie,  foto e bagno di Elda in mare; al faro come da tradizione ho bruciato un foglio con pensiero, ma c’era anche chi dava fuoco a qualche indumento o lettere. In ultimo siamo andati a Muxia dove c’è il santuario della Vergine della barca e la pietra con la quale la leggenda vuole che la Madonna sia arrivata dal mare trainata dagli angeli per sostenere Giacomo nella sua evangelizzazione. E lì l’oceano Atlantico che si infrange sugli scogli è uno spettacolo fantastico…ed ha ricominciato a piovere! Qualunque sia stato il motivo per il quale si è deciso di partire per il Cammino, effettivamente credo che ognuno qualcosa abbia ricevuto. Per quanto mi riguarda nessuna miracolazione o folgorazione,  ma la certezza di essere riuscita a giungere a termine senza grandi difficoltà nonostante la pioggia e i km, di aver incontato delle belle persone che sono state bene insieme e che una volta ritornate alla vita di tutti i giorni ricorderà questo Cammino e i suoi Pellegrini con malinconia e chissà…potranno anche rincontrarsi, proprio come succedeva durante i giorni del camminata con gli altri viandanti! Esperienza che consiglio di fare senza timori, anche ai nostri associati. In ultimo vorrei qui dire un grazie a Pino Dellasega per avermi dato l’opportunità di partecipare a questo WAYS, grazie a Chiara per aver contribuito alla riuscita, persone che con grande professionalità ma molta semplicità hanno reso indimenticabile questo Cammino. …E domani è un altro giorno!

image image image image image image image image image image image image image
Pubblicato in Cammino di Santiago 2014
3 commenti su “FINE DEL CAMMINO – KM 0
  1. Renato Vita Renato Vita scrive:

    E brava Tetti
    Ci hai fatto un po preoccupare per il tuo silenzio che hai ora ampiamente e ‘filosoficamente’ motivato facendocelo apprezzare e dandoci modo di entrare a distanza in quello che dovrebbe essere lo spirito che anima i pellegrini di Santiago.
    Ora che tu hai aperto la strada ci riverseremo in massa nelle ‘Valli’ iberiche!!!

  2. Alessandro Cucchiarelli Alessandro Cucchiarelli scrive:

    Antonietta, GRAZIE!
    Valeva la pena di aspettare qualche giorno per leggere la tua testimonianza toccante e coinvolgente. Fa riflettere, induce a guardarsi dentro e rapportarsi con una dimensione della realtà che stiamo sempre più perdendo: quella della meditazione e del silenzio. La nostra vita è oramai immersa nel ‘rumore’ ed in esso, spesso, la nostra anima annega!
    GRAZIE ancora!

  3. Simone Marzorati Simone Marzorati scrive:

    Ben arrivata Tetti!
    Complimenti! ma nessuno di noi dubitava del tuo Cammino.
    Ora, dopo le tue impressioni a caldo, vorremo sicuramente risentirle dal vivo!
    nonostante Alessandro ci inviti ad allenamenti silenziosi…

    e Ben tornata!

Lascia un Commento

Calendario Eventi
<<dic 2018>>
LMMGVSD
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Ultime Notizie

  • 07/12/2018 --- Alla Ricerca dei Luoghi del Silenzio – Tra Santi e Incanti (leggi)
  • 02/12/2018 --- Cena di Natale (leggi)
  • 24/11/2018 --- Corso Base a Porto S.Giorgio (leggi)
  • 20/11/2018 --- Foto dalla Riserva del Monti San Vicino e Canfaito (guarda)
  • 10/11/2018 --- Lezione Itinerante nella Riserva del Monti San Vicino e Canfaito (leggi)
  • 10/11/2018 --- Corso Base a Civitanova Marche (leggi)
  • 22/10/2018 --- Lezione itinerante nel Montefeltro (leggi)
  • 21/10/2018 --- Mezza maratona città di Ancona (leggi)
  • 10/10/2018 --- Foto da Race & Challenge a Mantova (guarda)
  • 06/10/2018 --- Corso Base a Porto S.Giorgio (leggi)

ScuolaItaliana